Parresia o politicamente corretto in salsa cattolica?

Parresia o politicamente corretto in salsa cattolica?

Un ulteriore piccolo contributo al putiferio innescato dalle peraltro assai prevedibili frasi sugli omosessuali del vegliardo vestito di bianco.

Il suddetto Jorge Mario Bergoglio ha sempre invocato, da parte di tutti (laici e consacrati) una certa parresia nel confronto quotidiano.

Evviva Dio, dopo queste esternazioni papali, vogliamo finalmente prendere una posizione chiara e netta come popolo di Dio, senza questo equilibrismo per salvare la tradizionale dottrina morale e l’attuale pontificato?

Perché se c’è un aspetto estremamente positivo di questo terremoto, è proprio la possibilità di uscire da questo politicamente corretto in salsa cattolica, che è altrettanto insopportabile rispetto all’analogo pensiero unico dominante sul piano culturale, e finalmente dirci le cose come stanno, da fratelli in Cristo.

Cattolici oggi

Il problema non è uno quadro legislativo sulle unioni civili per le coppie omosessuali, che peraltro c’è già. Il problema vero e il rapporto che, come cristiani, vogliamo continuare ad avere con questa società sempre più secolarizzata e atea.

È un problema interno al Cattolicesimo: se non lo affrontiamo, siamo destinati all’insignificanza, almeno come generazione.

FacebookTwitterGoogleLinkedInWhatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *