Vaccinarsi dal mondo

Vaccinarsi dal mondo

Vaccinarsi dal mondo Da alcune ore, è in corso la sceneggiata dell’avvio della vaccinazione per prevenire questo tremendo e letale virus, chiamato Covid-19. Sceneggiata per l’euforia mediatica che ha trasformato questa giornata del 27 dicembre 2020 in una sorta di reality show della scienza.

Il mondo scientifico annichilisce il fatto cristiano, offrendo un vaccino di cui peraltro non si assume alcuna responsabilità. Ti dice che questo vaccino è il lumino in fondo al tunnel per uscire dalla pandemia, ma, se ti vaccini e crepi, mica risponde: sono semplicemente problemi tuoi.

Perfino il vegliardo vestito di bianco, scordandosi della buona novella che libera da ogni male e di cui dovrebbe esserne l’annunciatore, sponsorizza il magico “elisir”. Invitando come da prassi a vaccinare anzitutto i poveri e i bisognosi, ovvero gli ultimi.

Ecco, mi viene da dire: essere ultimi a volte può rivelarsi una grande fortuna; testiamo il vaccino sui più ricchi per poi eventualmente vaccinare gli ultimi. È quasi un’applicazione del nazismo in senso classista, ma alla rovescia. Questa sarebbe stata una bella provocazione da Sommo Pontefice nel giorno di Natale.

In informatica, i virus sono creati dalle stesse aziende che producono gli antivirus. Come non ipotizzare che sia avvenuto lo stesso sul versante sanitario? Spiegherebbe questa celerità nello scoprire il vaccino, anche perché dare per buona la leggenda della trasmissione dal pipistrello all’uomo è un po’ come credere alle streghe.

In più, sempre in informatica, c’è sempre di più la filosofia della condivisione, dell’open source, ovvero lo sviluppo del software è condiviso e aperto. Dal momento che l’urgenza di produzione del vaccino è evidente, perché non pensare ad un analogo open source vaccinale? Sarebbe un efficace modo per dipanare ogni legittima obiezione su tutta questa vicenda. Oltretutto la ricerca del vaccino è già stata ampiamente finanziata con denaro pubblico.

In sostanza, il problema non è tanto decidere se vaccinarsi o meno, ma affrontare tale questione con una preventiva vaccinazione dal mondo. In altre parole, porre delle domande e pretendere delle risposte, ben sapendo che il principe del mondo è il demonio.

FacebookTwitterGoogleLinkedInWhatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *